La beffa dopo lo stress

di Zoo Fasano lunedì, 30 novembre 2009 ore 18:14
Zoo Fasano dà voce ai disagi dei viaggiatori pendolari.
Caro Zoo Fasano,
la mia è una richiesta un po' insolita forse ma sicuramente molto sentita da parte mia! Oggi dopo una mattinata di studio a Bari, ho
ritrovato la mia auto, parcheggiata nei pressi dell'oleificio ubicato proprio in prossimità della stazione ferroviaria di Fasano, con la fiancata completamente danneggiata, sicuramente causata da un'auto o altro veicolo!
Quello che vorrei chiedervi è questo: è possibile chiedere a chi visita il vostro sito di dare notizie se
hanno per caso visto o notato quello che è accaduto!?! Perché oggi è successo a me, ma il problema lo hanno tutti i pendolari come me che
ogni mattina fanno la lotta per il parcheggio e che al ritorno possono ritrovare la propria auto danneggiata! So che forse è un problema
irrilevante per voi, ma vi assicuro che se parlate con i pendolari vi potranno dire benissimo quali problemi e rischi dobbiamo affrontare ogni
giorno, visto che comunque non ci sono parcheggi per chi è costretto a viaggiare ogni giorno!
Spero che accogliate la mia richiesta, ovviamente sono a vostra disposizione, qualora lo vogliate, per ulteriori dettagli sull'accaduto!

Distinti saluti

Luigi



Ogni sua richiesta è un ordine, caro Luigi. Peccato che nessuna ipotetica testimonianza servirà ad identificare il nostro colpevole.
Sbucherebbe solo se questo fantomatico imbranato - o perdigiorno che sia - fosse assalito da un improvviso (quanto improbabile) senso di colpa, o
tutt'al più se nel parcheggio vi fossero installate adeguate telecamere di sicurezza (per bacco, che follia è mai questa?!). Personalmente sarei
disposto a pagarti le spese dal carrozziere se qualcuno mi dimostrasse l'esistenza di realtà in cui queste cose non accadono. Rimani
tranquillo, posso assicurarti che dalle Alpi alle Murge no, non ci sono. Mi spiace. Oltre alla frustrazione ed allo stress che il pendolarismo
comporta ti tocca la beffa del danno. Immagina tu cosa si penserebbe di noi se il nostro tasso di civiltà si calcolasse sulla qualità del nostro
sistema ferroviario e sul degrado delle nostre stazioni. Risposta: più "apocalisse" e meno "occidente". Mamma Trenitalia, come risponde? Lei
per fortuna sa come trattare i suoi figliuoli una volta sopravvissuti alla foresta amazzonica che è ogni città alle 7 di mattina: treni
puntuali, carrozze pulite e sempre riscaldate, personale che dire disponibile è dire poco. Luigi, pensa solo a questo. Non ti senti già
meglio?

S.R.S.

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • meoli fede

    Perché tra gli artisti intervenuti in particolare mi è simpatico Piero Ciakky? soprattutto perché ha fatto esperienza nel settore dell’animazione...

    Mostra articolo